IN RICORDO DI CARLO RESTIGLIAN

IN RICORDO DI CARLO RESTIGLIAN

restiglian.jpg

Carlo Restiglian era un uomo d’altri tempi. I nuovi, di tempi, non lo interessavano. Il suo stile, il suo credo e la sua volontà gli consentivano d’imporre lui i suoi ritmi. Tutti lo conoscevamo per le sue “regole fisse” ed inderogabili, il più delle volte incomprensibili a noi, che invece eravamo figli di un tempo, se non nuovo, certo diverso.

Aveva cominciato ad andare in montagna presto. Ma allora si usava così, perché la montagna non era solo divertimento; anzi, era una passione, forse di più: era un modo di stare al mondo.

E della montagna ne aveva assunto le fattezze: forte come una roccia, ruvido come un larice, impetuoso come sanno essere certi torrenti che dalle cime scendono a valle. Uomo fiero Carlo Restiglian e certo mai domo. Amava cantare, così ringraziava la montagna per i doni che gli concedeva. La “canta” sulla cima celebrava amicizia, rispetto, ma anche risate e lacrime, fatiche e grandi soddisfazioni, unendo tutti in un unico grande coro. Uomo anche di parole: chiunque sia stato in montagna con lui sa di certo, che aveva sempre un taccuino con sé sul quale annotava i suoi pensieri, che poi tante volte traduceva in poesie.

Al CAI, Sezione di Thiene, si era iscritto all’età di sedici anni e da allora non aveva mai smesso. E al CAI ha dato tanto. Segretario di Sezione per molti anni, aveva organizzato l’intera attività sentieristica di manutenzione dei sentieri. A tal punto era partecipe della Sezione di Thiene, che decise di celebrare il giorno del suo matrimonio in occasione proprio di una gita CAI – in località Ghertele. Tanti i racconti, tanti gli aneddoti, come quello, ormai famosissimo dell’anguria sulla cima dell’Adamello. A Carlo siamo debitori della passione e dell’energia con le quali ha sottolineato il suo amore per la montagna e per la dedizione con cui si è prodigato per la vita della Sezione.

Le vette sono gli unici ideali visibili che l’uomo possa raggiungere.

Grazie Carlo.

_______________

di Carlo Bonollo                                                        

 

descrizione