Trekking


NELL'ARCIPELAGO DELLE ISOLE EOLIE

dal 23 al 30 maggio 2020

A grande richiesta è stato rimesso in programma per il 2020 il trekking alle Isole Eolie.

Il programma dettagliato può essere richiesto in sede ma i posti (max 45 partecipanti) sono già stati presi d’assalto. Si farà tappa fissa a Lipari e si visiteranno nei sei giorni di trekking tutte le altre isole.

A partire dal 24 maggio infatti si visiterà dapprima l’isola di Vulcano con l’ascensione al Gran Cratere (391 m). Nel pomeriggio possibilità di fare i bagni di fango termale per poi immergersi nelle limpide acque delle spiagge nere (portare un costume vecchio o monouso per i fanghi). (Difficoltà E – Dislivello +400 m. – Durata totale 4 ore). Il 25 maggio è dedicato all’isola di Salina, isola chiamata anticamente Didyme (gemelli). L’escursione a piedi prevede il raggiungimento del Monte dei Porri (860 m.), uno dei due coni vulcanici dell’isola. (Difficoltà E – Dislivello +600 m. – Durata totale 5.30 ore).

Il 26 maggio nella mattinata trasferimento con barca privata sull’isola di Filicudi, l'antica Phoenicusa, dove l’itinerario prevede una passeggiata che congiunge le due frazioni dell’isola. Si prosegue con la navigazione costeggiando il versante ovest dell’isola di Filicudi per ammirare la grotta del Bue Marino, lo scoglio Giafante e il faraglione della Canna, con possibilità di bagni ristoratori. La navigazione raggiunge quindi l’isola più remota di tutto l’arcipelago, Alicudi. Priva di strade è attraversata da antiche mulattiere in pietra che conducono nella parte alta dell’isola per godere di un panorama mozzafiato. (Difficoltà T).

Il 27 maggio si arriva all’isola di Stromboli. Prima di sbarcare al porto di Scari, la barca costeggerà il piccolissimo centro abitato di Ginostra e la spettacolare Sciara del Fuoco. Nel tardo pomeriggio, inizio dell’ascensione al vulcano accompagnati da una guida vulcanologica, per assistere, al tramonto, alle suggestive esplosioni stromboliane dalla cima di Pizzo Sopra la Fossa (892 m.). (Difficoltà E – Dislivello +900 m. – Durata totale 7 ore). Il 28 maggio si resta a Lipari per raggiungere le cave di caolino per camminare lungo un sentiero che costeggia il mare e raggiunge le Terme di San Calogero. Il percorso si sviluppa sul versante orientale dell’isola, il meno antropizzato e quindi quello che conserva una maggiore valenza naturalistica. Raggiunte le Terme ci sarà una visita guidata all’interessante area archeologica. (Difficoltà E – Dislivello +300 m. – Durata totale 3 ore). Il 29 maggio trasferimento sull’isola di Panarea, il cui nome deriva da Panaraia (tutta sconnessa), ed è l'isola più piccola dell'Arcipelago delle Eolie con una superficie di soli 3400 Kmq. L’escursione prevede di raggiungere, partendo a piedi dal centro abitato di San Pietro, la cima di Punta del Corvo (421 m.), da cui si gode di una vista unica su tutto l’arcipelago. Si scende poi, con un percorso ad anello, verso Punta Milazzese dove visiteremo i resti del villaggio preistorico, per poi arrivare a Cala Junco e Caletta degli Zimmari. (Difficoltà E – Dislivello +500 m. – Durata totale 4.30 ore). Il 30 maggio mattinata libera a Lipari prima della p

artenza in aliscafo per il rientro a Milazzo e trasferimento in aeroporto a Catania per la partenza in aereo.


Anna Fabris


descrizione